Home / Notizie Ares / Missioni ed esercitazioni / IFA 7: CORSO FORMAZIONE 6-7-8 GIUGNO PER SOCI ARES, ECCELLENTE !

IFA 7: CORSO FORMAZIONE 6-7-8 GIUGNO PER SOCI ARES, ECCELLENTE !

debriefing psicologico di tutto il gruppo
IFA 7 : debriefing psicologico di tutto il gruppo

Si è concluso oggi verso le ore 14.00 il corso di formazione per soci Ares IFA 7 che si è svolto a Visso MC. In tre giorni i soci hanno seguito interessanti lezioni nell’ambito della medicina delle catastrofi e sono stati coinvolti in una simulazione di un violento terremoto che ha visto la collaborazione della Protezione Civile Regionale, la Croce Rossa, i Vigili del fuoco, il Corpo Forestale, il 118 di Macerata e le autorità locali. Una prova generale, una simulazione di maxiemergenza che ha visto collaborare tutti i corpi specializzati per ottenere il migliore risultato possibile in termini di soccorso sanitario. I miei personali ringraziamenti e complimenti a tutto il gruppo degli organizzatori, istruttori e tutor. Un grazie particolare al nostro Gaetano Bocci e al nostro direttore Mario Caroli, senza di loro non sarebbe stato possibile. Un super ringraziamento a Cesare Bocci per la sua presenza e appoggio.

Segreteria Ares, Olivia.

 

IL COMMENTO DI GAETANO BOCCI

Per la seconda volta ho vissuto l’I.F.A. da una prospettiva diversa. Il gruppo degli organizzatori era collaudato ed affiatato, e la soddisfazione ha compensato ampiamente l’impegno. Un confronto tra di noi ci ha fornito verifiche e spunti di miglioramento. In particolare, le sistemazioni erano sufficientemente confortevoli; il vitto era di buona qualità ed anche troppo ricco, considerati i disagi che si affrontano in una missione.L’esercitazione del secondo giorno è stata frutto della collaborazione con altri Enti ed Associazioni e, pur avendo sottratto tempo alle lezioni, ha permesso di vivere la realtà (simulata) di trovarsi improvvisamente ad agire con altri operatori per un solo scopo.Gli organizzatori, i docenti ed i tutor hanno voluto dare informazioni e formazione; soprattutto, hanno sentito il dovere di accogliere tutti i soci e di farli sentire componenti del gruppo, di proseguire quel percorso di crescita culturale ed umana che è nel DNA e nella storia dell’ARES.E’ stato emozionante vedere quelle macchie di azzurro ed arancione sul prato e sotto i portici di Macereto, vedere anche i soci che all’arrivo non avevano neppure la divisa parlare, ridere e scherzare come se conoscessero tutti da sempre.La sera di sabato, dopo cena sono stato sollevato e lanciato in aria tre volte. La prima ho avuto paura; la seconda ho pensato “vediamo come va”; la terza volta ho avuto la sensazione di fluttuare nell’aria ed avevo la certezza che non sarei caduto, che sarei stato recuperato da mani allacciate a formare una rete di sicurezza. Non ricordo i visi, ma non importa: era gente dell’ARES e le mani erano unite, forti, sicure.Ringrazio Maila, Rosi, Max, Roberto, Pamela, Massimo, Marco, Alessio e tutti gli altri che si sono aggiunti per strada, per un tempo lungo o breve;  dovrei nominarli tutti, ma di molti ricordo solo il viso. Hanno lavorato sodo (fatica vera!!) e si sono sacrificati in ruoli “non da sanitari”, hanno rinunciato alle lezioni ed all’esercitazione per garantire l’accoglienza e gestire il soggiorno dei soci.Ringrazio Ermanno, prezioso nel suggerirmi la strada più breve e meno scivolosa.Ringrazio Mario, sempre disponibile, attento, paziente ed incoraggiante.Ringrazio Caterina, per aver confermato che l’ARES c’è e ci sarà.

E ringrazio tutta la gente dell’ARES!

Gaetano Bocci

 

Di seguito il link dell’articolo sulla simulazione e del TG3 Marche del 7/6/2014:

TG3 MARCHE EDIZIONE DELLE 19.30

CRONACA DI UN TERREMOTO SIMULATO

 

 

Top