Home / Notizie Ares / Missioni ed esercitazioni / DALLE ZONE TERREMOTATE REPORT N.1

DALLE ZONE TERREMOTATE REPORT N.1

cropped-logo1.png

Ciao Mario e Olivia,
Proviamo a mandarvi un primo report dei 2 giorni trascorsi qui al campo di Borgo di Arquata.
Come in tutti i primi momenti nelle catastrofi gli scenari anche logistici e campali sono caratterizzati da precarietà, carenze e evoluzioni continue. Le presenze delle vittime ospitate qui ieri erano circa 110 ed un numero supetiore di soccorritori (Vigili del fuoco, carabinieri, ptotezione civile, pma di Ascoli, farmacisti, medici di famiglia, ampas, unità cinofile etc.). Nel campo è stata allestita una mensa mentre il problema bagni/docce è ancora da sistemare in maniera adeguata. Ci sono bagni chimici ma una sola doccia (fredda) per tutti. Speriamo che nei prossimi giorni la situazione migliori anche se oggi siamo riuscite a farci jna bella doccia calda ospitate dai Vigili del Fuoco.
Da subito abbiamo iniziato a collaborare con le colleghe dell’Ape presenti come noi da ieri qui nel campo. Abbiamo allestito un punto di ascolto, ricavato da un piccolo spazio nella tenda dei farmacisti (che usiamo anche per dormire in quanto non abbiamo una tenda dedicata.Ci siamo presentate alla comunità di Borgo ospitati nella tendopoli, ai vari corpi dei soccorritori e iniziato a collaborare con il DSS del PMA dr. Mozzoni del 118 di Ascoli Piceno che ci ha aiutato tantissimo ad inserirci. Il lavoro si è subito esteso sia a casi specifici che arrivavano al PMA o al nostro punto di ascolto che nelle tende, ed in qualsiasi altra occsione anche informale sia stato possibile fare il nostro lavoro.
La giornata di oggi è stata molto intensa. Inizialmente abbiamo fatto una riunione di coordinamento con APE,SIPEM E GUS (un team psicologico nominato direttamente dall’ASUR di Ascoli), poi abbiamo suddiviso il piano di lavoro in quanto l’evento funerale e le 20 tumulazioni nel cimitero di Pescara del Tronto hanno caratterizzato la giornata. Dorotea si è recata, con la collega APE presso il cimitero sin dalla tarda mattinata ed è restata lì fino al termine delle esequie, protattesi fino a pomeriggio inoltrato. Eleonora ha prestato servizio preseo il PMA, con un grandioso DSS, il nostro caro e prezioso socio Ermanno Zamponi, che ci ha aiutato a risolvere parecchie incombenze oltre a farci sentire il calore di “casa ARES”. Oltre a questo c’è stato il solito lavoro nelle tende, con un maggior coinvolgimento di ragazzi più giovani. Sono stati presi diversi contatti per intervenire nei borghi limitrofi, colpiti dal sisma, dove ci hanno segnalato la presenza di nuclei familiari, che non volendo lasciare le loro abitazioni, pernottano in tende di loro proprietà e non usufruiscono dei servizi della tendopoli. Domani faremo una prima ricognizione ed invece è già fissato un debriefing con un gruppo di civili locali che per primi hanno iniziato a scavare ed estrarre le vittime dalle macerie, prestando i primi soccorsi. Seguiranno aggiornamenti nei prossimi giorni. Ci scusiamo se non riusciamo a rispondere a tutti voi che quotidianamente ci sostenete con messaggi, telefonate etc., facendoci sentire il vostro affetto, ma siamo veramente sotto pressione.
Un ringrasiamento particolare alla nostra grande Sonia Maracchione e suo marito Francesco che sin da ieri sera si sono resi disponibili ad ospitarci nel loro camper, vicino ad Amatrice.
Un grazie anche al nostro Direttore, a Barbara Gabrielli, alla segreteria sempe presenti e al nostro Stefanone Ridolfi che ha espresso perfettamente anche il nostro pensiero.
Buonanotte a tutti, e speriamo che le scosse della notte scorsa non si presentino più.
Un abbraccio grande
Eleonora & Tea

Lascia un commento

Top